venerdì 20 gennaio 2012

Chiude MegaUpload, inizia la guerra!

Il finimondo!

Al termine della Seconda Guerra Mondiale si credeva che se mai si fosse combattuto un altro conflitto planetario sarebbe stato su base nucleare. Poi venne il web.

Ai giorni nostri gran parte della vita viene trascorsa online. Social networks, e-commerce, e-banking e svago. Chi non ha mai guardato un video o un film in streaming?

Il principale servizio che offre, o meglio, offriva, la visione gratuita di contenuti video online era MegaVideo. Era perché nella serata di ieri è stato definitivamente chiuso, ed i suoi fondatori sono stati arrestati. Con MegaVideo sparisce anche MegaUpload, causando un malcontento generale a causa dei millemila byte di dati persi per sempre. Questi servizi erano utilizzati per diffondere materiale protetto da copyright, ma c'erano molti utenti che li utilizzavano come archivio personale online. Utenti che pagavano un abbonamento per usufruire a pieno del servizio, e che si sono visti portare via tutto.

Cosa ha scatenato quest'azione? Probabilmente una guerra telematica. Infatti dopo la chiusura dei MegaServizi sono scesi in campo gli Anonymous urlando vendetta! È seguita una notte di attacchi che ha portato alla chiusura del sito della Casa Bianca, di quello del Dipartimento di Giustizia USA, e dei siti per la tutela del copyright in America e di un'associazione di case discografiche (RIAA). Non sono sfuggiti neanche gli esecutori materiali della chiusura, gli agenti federali del Bureau si sono visti chiudere FBI.gov.

Che sia solo l'inizio? Staremo a vedere!

0 commenti:

Posta un commento