mercoledì 30 maggio 2012

Esibizionismo 2.0 Se sei social dici "cheese"

Più o meno tutti abbiamo tentato l’iscrizione ad un social network. Uno qualsiasi. 
L’epoca del Web 2.0 ci porta a condividere i nostri pensieri anche con dei perfetti estranei. Certo, non tutti siamo propensi ad aprire le porte della nostra mente a chi non conosciamo (molti non lo fanno neanche con i propri cari), però lo spirito esibizionista spesso prende il controllo del nostro corpo, spingendoci a fare cose a cui non avremmo mai pensato.

Un modo rapido e sicuro per mettere a nudo la propria essenza è senza dubbio la condivisione di foto personali. Fotografare momenti intimi della nostra vita e condividerli con amici e conoscenti sembra essere diventato parte integrante dell’esperienza virtuale di ognuno.
E c’è chi, da questa moda, ha tratto benefici. Unendo il concetto di social network a quello delle foto sono nate piattaforme importanti. Prima Flickr. Recentemente il fenomeno Pinterest, che ha fatto tanto parlare di se, e può vantare già diversi cloni.

Un difetto importante (almeno per il momento) di Pinterest, è la mancanza di un’app mobile. Il supporto maggiormente utilizzato per scattare e condividere fotografie istantaneamente è senza dubbio il proprio smartphone. La mancanza di un’applicazione che permetta di essere social ovunque è una pecca non da poco.

Chi non mette da parte la versione mobile (anche beccandosi qualche critica) sono senza dubbio i socialnet più blasonati. Facebook, Twitter e Google+. In particolare il prodotto di Big G sta migliorando se stesso giorno dopo giorno. Un’ultima novità è l’arrivo degli spot televisivi anche in Italia. Un particolare messo in evidenza da questa campagna pubblicitaria è ancora una volta rappresentata dalla condivisione di immagini. Il caricamento istantaneo di Google+ permette di scattare foto dallo smartphone e non preoccuparsi più di caricarle sul computer. In un secondo ci si ritrova con tutte le foto, catalogate per data in maniera privata, e condividerle diventa questione di un click.


Commenta anche su Google+

0 commenti:

Posta un commento